Bologna Cultura

Comune di Bologna

Un Vecchione partecipato 2018

a cura di Cantieri Meticci

​Anche quest’anno, allo scoccare della mezzanotte, ci sarà come da tradizione il rogo del Vecchione, il grande fantoccio simbolo dell’anno appena trascorso che viene bruciato a scopo propiziatorio, realizzato dalla compagnia Cantieri Meticci, in collaborazione con i laboratori educativi del MAMbo rivolti a bambini e famiglie.

Vedo la mia ombra che viene da lontano
Come la finestra di casa
Mi apro su ciò che voglio
Mi apro sugli amici che portano la posta
della sera: pane, vino, qualche romanzo e dischi.
Mi apro sul vento
che cerca nel vento una patria.
Mi apro su una donna che si specchia nel sole.
Sulla mia immagine che fugge da se stessa
verso la scala di pietra
e porta la sciarpa di mia madre
e sbatte nel vento:
che accadrebbe se tornassi bambino?
e tornassi io da te e tu da me

Mahmud Darwish

A cosa ci apriremo nell’anno che verrà? A chi? Queste le domande che attraversano la proposta di Cantieri Meticci e che vanno a interpretare l’anno che incomincia come un invito a pensarsi come una finestra aperta ad accogliere il nuovo che vi giungerà. Questa linea di senso andrà a permeare sia l’oggetto finale, l’ “assemblage vecchione”, che i percorsi partecipativi sottesi alla costruzione (alcuni dei quali avranno nei versi sopracitati del poeta palestinese Mahmud Darwish anche un invito a immaginare cosa vorremmo giungesse alla nostra finestra).

Si chiederà ai cittadini di portare oggetti in legno - meglio se si possono aprire, come porte, finestre, cassetti, ante di armadi ma anche sedie, tavoli, pezzi di legno (e di passato) che non servono più - e, durante 3 laboratori domenicali, in un meticciato di cittadini e migranti, ne verranno assemblati alcuni che a loro volta verranno rielaborati dagli scenografi della compagnia.

Le diverse parti del vecchione saranno quindi riempite e completate con gli elaborati che bambini e famiglie avranno realizzato nei laboratori che Dipartimento educativo MAMbo con “Senza titolo” e Cantieri Meticci faranno nelle piazze.

A cura di Cantieri Meticci e Dipartimento educativo MAMbo, in collaborazione con “Senza titolo”