Bologna Cultura

Comune di Bologna

BO ON Bologna si accende 2014-2015

Cartellone di appuntamenti speciali che la città offre da metà novembre a inizio gennaio. Momento clou del periodo è DALLALTO, la serata del 31 dicembre in Piazza Maggiore che saluta il nuovo anno con il Vecchione di Andreco e il dj-set degli M+A e dj Scratchy.

A Bologna, si festeggia l'arrivo del nuovo anno in Piazza Maggiore con il rogo del Vecchione d'artista, ideato quest'anno da Andreco e la musica degli M+A che quest’anno, si esibiranno eccezionalmente DALLALTO del balcone centrale di Palazzo d’Accursio.

DALLALTO è il titolo della serata di Capodanno che avrà inizio alla grande alle 22.30 con Barry Myers alias dj Scratchy, tourdj dei leggendari Clash e delle tournée mondiali di Joe Strummer & The Mescaleros, The Pogues e Gogol Bordello. La sua selezione musicale spazierà dal punk allo ska, passando per il rock'n'roll. Attorno alla mezzanotte, si affacceranno dal balcone gli M+A, la giovane band che quest’anno ha ottenuto un ottimo successo di critica e pubblico a livello internazionale che li ha portati a esibirsi sul main stage del Festival di Glastonbury, uno dei più importanti appuntamenti in Europa per quanto riguarda la musica e le arti performative. Di ritorno dal Regno Unito, si sono esibiti a Milano e Bologna in occasione di Unaltrofestival. Il duo elettronico italiano composto da Michele Ducci e Alessandro Degli Angioli, proporrà uno spettacolo a metà tra il dj-set e il live.

A mezzanotte, come vuole la tradizione bolognese, si accenderà il rogo del Vecchione, disegnato quest’anno da Andreco, artista attivo in Italia e all’estero. Tra le tante attività di quest’anno, Andreco ha partecipato al Festival NuArt in Norvegia, uno dei più importanti festival internazionali dedicati alla street art e all’urban art, realizzando installazioni e murales.

Il Vecchione, opera effimera per definizione, sarà allestito in Piazza Maggiore a fine dicembre e vivrà per pochi giorni prima del rogo che lo brucerà, chiudendo simbolicamente l'anno passato. Come l'anno passato, a fine serata sarà disponibile un servizio navetta che collegherà il centro della città con i principali locali dove sarà possibile continuare i festeggiamenti.

Il Capodanno in Piazza Maggiore è ideato e sostenuto dal Comune di Bologna e organizzato da Estragon.

Per iniziare bene l’anno nuovo, giovedì 1° gennaio la città offre alcune interessanti opportunità: presso il Parco della Montagnola si terrà il Concerto di Capodanno con l'Orchestra Senza Spine e organizzato da ARCI Bologna e Antoniano con il sostegno del Comune di Bologna, inoltre ci sarà l’opportunità di visitare le mostre allestite presso il MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna - la personale di Lawrence Carroll e “Morandi e l'antico: Vitale da Bologna, Barocci, Rembrandt e Crespi” (apertura ore 12.00-20.00) anche la mostra a Palazzo Pepoli - Museo della Storia di Bologna Genus BononiaeIl viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l'aldilà tra capolavori e realtà virtuale” (apertura 10.00 - 19.00) e la mostra Factory Photographs di David Lynch al MAST (prorogata fino all'1 gennaio, con apertura 12.00-19.00). Altri musei aperti nella giornata di Capodanno con orario 12.00-18.30 sono: Casa Morandi, il Museo Civico d'Arte industriale e Galleria Davia Bargellini il Museo internazione e Biblioteca della Musica.

Prima e dopo il Capodanno, tante altre iniziative animeranno la città da metà novembre fino al 6 gennaio, a partire dal Cioccoshow per continuare con Enologica, il salone del vino e del prodotto tipico dell’Emilia-Romagna, ospitato a Palazzo Re Enzo dal 22 al 24 novembre.

Dal 27 novembre, con l’accensione delle luminarie si entrerà in pieno nel clima natalizio che continuerà con la tradizionale esposizione e vendita di produzioni dell'artigianato artistico, alimentare, moda, bellezza, oreficeria, fotografia, arredamento e oggettistica per la casa di Regali a Palazzo (Re Enzo dal 5 all’8 dicembre).

Dal 12 al 14 dicembre, sempre Palazzo Re Enzo ospiterà Fruit Exhibition, evento incentrato sulle migliori pubblicazioni di graphic design ed editoria creativa, che presenta pubblicazioni cartacee e digitali indipendenti tra cui libri d’artista, cataloghi, progetti di graphic design, periodici e zines.

Negli stessi giorni verranno inaugurate due mostre proposte dall’Istituzione Bologna Musei. “Giovanni da Modena. Un pittore all'ombra di San Petronio”, dal 12 dicembre 2014 al 12 aprile 2015 al Museo Civico Medievale, realizzata in collaborazione con la Basilica di San Petronio celebra uno dei maggiori protagonisti della pittura tardogotica in Italia, Giovanni di Pietro Falloppi, meglio noto come Giovanni da Modena. Si tratta della prima esposizione dedicata a questo artista, autore della decorazione della nota Cappella Bolognini in San Petronio (1411-1412 ca.) che, insieme alle altre testimonianze ancora presenti nella basilica, costituisce un necessario completamento al percorso espositivo. In mostra varie opere del pittore provenienti da musei e collezioni private, tra cui dipinti su tavola, affreschi e miniature.

Al MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna inaugura "Lawrence Carroll. Ghost House", (12 dicembre 2014 - 6 aprile 2015). L’artista statunitense di origine australiana è protagonista di una mostra che ne ripercorre il lavoro degli ultimi trent'anni, attraverso una selezione di circa sessanta opere prodotte dalla metà degli anni '80 a oggi, in molti casi mai esposte in precedenza e in altri appositamente realizzate per l'occasione.

Il 13 dicembre, sul Ponte di Galliera, si “accende” “Souvenir d'Italie – Lumières”, l’installazione di Luca Vitone per “ON14|15, Do elephants ever forget?”, progetto di arte contemporanea che invita artisti italiani e internazionali a realizzare opere site specific, azioni e performance in luoghi pubblici della città di Bologna.

Tanti gli eventi del cartellone di BO ON che vedono protagonista la musica: Zubin Mehta con la sua Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino sono ospiti di Bologna Festival per un concerto straordinario, organizzato in occasione delle festività natalizie, in collaborazione con Unindustria Bologna; giovedì 11 dicembre al PalaDozza, il grande direttore d’orchestra indiano dirige un programma con pagine sinfoniche di grande popolarità: l’Ouverture dai “Vespri siciliani” di Verdi, il Preludio e morte di Isotta dal “Tristano e Isotta” di Wagner e la Sinfonia n.6 “Patetica” di Čajkovskij. Venerdì 26 dicembre il tour internazione di Renzo Arbore con la sua Orchestra Italiana passera sul palco del Teatro Manzoni per un concerto che ripercorrerà la sua carriera non solo musicale, ma legata anche alla tv, alla radio, al cinema.

Sempre il Teatro Manzoni ospiterà il 5 gennaio la Filarmonica del Teatro Comunale di Bologna diretta dal grande direttore e solista Alexander Lonquich; in programma musiche di Franz Schubert, Ludwig van Beethoven, Antonín Dvořák.

Per dire addio all’anno vecchio e iniziare quello nuovo, l’appuntamento all’Arena del Sole è con Murmures des Murs, uno spettacolo di Victoria Thierrée Chaplin con Aurelia Thierrée e Jaime Martinez, Antonin Maurel (30, 31 dicembre, 2, 3, 4 gennaio). Lo spettacolo è in sostituzione di Golgota. Teatro Equestre Zingaro, annullato per problemi tecnici.

E per gli appassionati del musical, un grande imperdibile show sarà in scena al Paladozza dal 30 dicembre al 1° gennaio: “Jesus Christ Superstar”, la grande opera rock verrà proposta nella versione originale di Andrew Lloyd Webber e Tim Rice. Per la prima volta in Europa il protagonista è un interprete d'eccezione: Ted Neeley, il Gesù "originale" del celebre film di Norman Jewison, lo storico successo cinematografico del 1973.

Errare divinum est”, il Natale sbagliato con Clelia Sedda è il curioso appuntamento proposto per sabato 27 dicembre nella Cappella Farnese di Palazzo D'Accursio che anticipa l’edizione 2015 dell’Error Day. Viviamo in un mondo complicato che non permette di conoscere la destinazione finale dei nostri sforzi e nel quale l'errore ha assunto, generalmente, una valenza negativa: Clelia Sedda, campionessa mondiale di errori, errerà tra cantonate e miraggi, sviste e gaffes, lapsus, sbagli e abbagli che ci illuminano.

E come sempre, il 6 gennaio, arriva la Befana sotto la Torre per la classica festa, e i film e le attività per i più piccoli proposte da Schermi e Lavagne al Cinema Lumière/Cineteca di Bologna.

Gli artisti del Capodanno
M+ A
M+A è un duo elettronico italiano composto da Michele Ducci e Alessandro Degli Angioli accompagnati nelle performance dal vivo da Marco Frattini alla batteria e percussioni. La band ha origini italiane ma i componenti vivono tra Londra, Bologna e Bergen. Negli ultimi due anni sono usciti con due album sull'etichetta londinese Monotreme Records. L'ultimo disco These Days li ha portati ad essere 'Band of the week' sul The Guardian e nella sessione 'New Music' sul The Telegraph. Il singolo When è stato anche 'Track of the day' su Clash. L'attività live è sempre stato il punto di forza del progetto, nell'ultima stagione hanno diviso palchi con Mount Kimbie, Is Tropical, MGMT, Panda Bear, Moderat, Darkside, Jon Hopkins, Pantha Du Prince, The Field, Civil Civic, Public Service Broadcasting, The Wailers, Calexico. Dopo un ottimo successo di critica e pubblico nell'estate del 2014 la band ha suonato sul main stage di Glastonbury Festival. Nella stessa estate la band ha partecipato ad Astatic Festival (Germania), Truck Festival (UK), Unaltrofestival (Milano/Bologna), Y Not Festival (UK), Ypsigrock, Brownstock (UK) e molti altri.
www.ma-official.com

ANDRECO
Andreco è nato a Roma nel 1978, dal 2002 si trasferisce a Bologna dove risiede attualmente dopo alcuni periodi trascorsi all'estero tra cui due anni a New York. Dottore di ricerca in ingegneria ambientale, ha condotto ricerche post dottorato sui benefici ambientali delle tecnologie verdi in aree urbane in collaborazione con l'Università di Bologna e la Columbia University di New York. Dal 2000, parallelamente alla formazione scientifica, porta avanti la sua ricerca artistica che ha come tema principale il rapporto tra spazio urbano e paesaggio naturale e tra uomo e ambiente in tutte le sue declinazioni. I lavori prodotti da Andreco sintetizzano i concetti alla base delle sue ricerche in simboli e immagini che vanno a comporre il suo linguaggio visivo e concettuale. Andreco utilizza varie tecniche, dal disegno alla pittura, dalla scultura al video, che nelle esposizioni sono spesso combinate tra loro; realizza installazioni, murales e progetti di arte pubblica a volte supportati da un percorso partecipativo. Andreco ha partecipato a mostre e festival a livello internazionale. Nel 2012 ha realizzato il dipinto murario “The Philosophycal tree” per “Frontier”, la linea dello stile progetto speciale del Comune di Bologna.
Mostre e lavori recenti: “Andreco - From Clouds to Rocks” - personale, Traffic Gallery, Bergamo; "Urban Legends" - collettiva, Museo MACRO, Roma; "il Collasso dell'Entropia", collettiva, Museo d'Arte Contemporanea, Lissone (MI); "NUart" festival di Arte Pubblica, Norvegia; "Indagini sulle Terre Estreme" progetto di residenze d’artista, Leuca, Set-up Fair, Bologna; Nomadic Landscape Elements, di Andreco e Luca Coclite, Adiacenze, Bologna; Selezionato per Videoart Year Book 2014 del dipartimento di Arti Visivi dell'Università di Bologna.
www.andreco.org