Bologna Cultura

Comune di Bologna

Il lungo Capodanno di Bologna: gli artisti della notte di Capodanno in Piazza Maggiore

in corso di definizione anche i molti altri eventi del nuovo programma che accompagnerà cittadini e turisti nei festeggiamenti di fine anno.

Mentre sono in corso di definizione I dettagli del nuovo programma di iniziative che il Comune di Bologna dedica a cittadini e turisti in occasione delle festività natalizie e che si snoderà tra spettacoli, acrobazie, concerti e film in molti diversi luoghi della città, si sono invece conclusi i lavori delle commissioni nominate per individuare gli artisti protagonisti della notte di Capodanno in Piazza Maggiore.

A ideare il Vecchione 2017 è stato chiamato Andrea Bruno, mentre la musica viene affidata ai giovani bolognesi Nas1 e dj Rou. Entrambe le scelte sono state supportate da commissioni di esperti che si sono resi disponibili a titolo gratuito al fine di coadiuvare il Comune di Bologna nell'individuazione degli artisti per la serata del Capodanno in Piazza Maggiore - attesissima festa che nel corso degli ultimi anni ha raccolto sempre oltre 25.000 persone in Piazza Maggiore - modificando il pur fortunato format che prevedeva nomi di rilevanza internazionale per puntare invece sul coinvolgimento di artisti locali emergenti nell'ottica di una sempre maggiore valorizzazione del tessuto culturale della città. Entrambe le commissioni, composte da professionisti e esperti di settore, si sono dichiarate molto soddisfatte delle scelte che attraverso un percorso di consultazione, hanno portato all'individuazione di alcuni artisti di straordinaria qualità. Per questo si sono anche rese disponibili ad affiancare Andrea Bruno, Nas1 e dj Rou durante il percorso di ideazione e progettazione della serata. In particolare, gli esperti rifletteranno con loro sulle prospettive scenografiche offerte da Piazza Maggiore per l'istallazione del vecchione e sulle sfide da raccogliere per rapportarsi, attraverso la musica, con il pubblico numeroso e diversificato che tradizionalmente popola la piazza per la serata del 31 dicembre.

Le motivazioni delle commissioni

Il tradizionale Vecchione che verrà bruciato in piazza allo scoccare della mezzanotte sarà ideato da Andrea Bruno, tra i fondatori del gruppo Canicola, illustratore e fumettista pubblicato da riviste nazionali e internazionali del settore. La commissione, formata dallo scenografo Giancarlo Basili, dal direttore dell’Accademia di Belle Arti di Bologna Enrico Fornaroli e da Emilio Varrà, direttore di BilBOlBul Festival internazionale di fumetto ha così motivato la scelta di Andrea Bruno: “per una piena condivisione delle sue qualità artistiche e anche per l’aderenza del suo lavoro ai temi del rito e del mito che sembrano attinenti al compito assegnato. Inoltre è sembrato che Andrea Bruno incarnasse pienamente un legame con la città: catanese di origine, si è trasferito a Bologna proprio nella consapevolezza della particolare fertilità della città nell’ambito del fumetto, contribuendo ad arricchire la tradizione con la propria opera artistica, con il lavoro editoriale attraverso Canicola Edizioni e non ultimo con l’attività di docenza in Arte del fumetto presso l’Accademia di Belle Arti. ”

La musica, che anche quest’anno sarà suonata dal balcone di Palazzo del Podestà, sarà curata da Nas1, duo formato da Francesco Terra e Federico Natali, entrambi classe 89, che da tempo propone in giro per il mondo un mix mai banale di house, funky e soul, passando da vibrazioni techno e fusion rigorosamente su supporto vinilico e dj Rou, poliedrico dj senza vincoli di genere, grande appassionato del sound vintage e analogico, ha ideato e co-gestisce L’Archivio, record store diventato ritrovo di cultori del vinile nella città. La commissione, formata da Damir Ivic, giornalista musicale per Soundwall e Il Mucchio, referente italiano Red Bull Music Academy e responsabile produzione Dna concerti, Marco Ligurgo, direttore artistico di roBOt festival e Salvatore Papa, editor per zero.eu, ha motivato la scelta con le seguenti parole: “in un panorama storicamente fertile e di qualità come quello di Bologna per quanto riguarda la club culture e la musica elettronica, la scelta - potenzialmente ampia - è caduta su chi ha privilegiato da sempre un approccio di grande rispetto e attenzione filologica verso le declinazioni più pure della club culture stessa, senza farsi tentare dalle scorciatoie commerciali più facili e dando sempre grande attenzione a una conoscenza della materia profonda e a trecentosessanta gradi”.

Gli artisti

Andrea Bruno è nato a Catania nel 1972. Le sue storie a fumetti e le sue illustrazioni sono apparse su numerose riviste e antologie italiane e internazionali. Nel 2004 è stato tra i fondatori del gruppo Canicola con il quale ha dato vita all’omonima rivista. Il suo ultimo lavoro è il fumetto in tre parti Cinema Zenit, uscito per Canicola edizioni e in corso di pubblicazione in Francia con Rackham Editions. Vive e lavora a Bologna.

Nas1 - Francesco Terra e Federico Natali, entrambi classe 89 - è un duo di producer bolognesi che adora “smanettare” con macchine analogiche e vinili facendo del suono grezzo la loro firma dal 2010. Il loro Ep di debutto è del novembre 2014 per Bosconi Records, etichetta italiana di culto per la musica elettronica, al quale sono seguiti singoli e album per etichette sempre più prestigiose del panorama internazionale, fino all’ultimo disco uscito a novembre 2016 per la Money $ex Records dei berlinesi Glann Astro e Max Greaf. Francesco Terra e Federico Natali sono anche i fondatori dell'Associazione Culturale Revolver dedicata alla divulgazione della migliore musica elettronica underground in circolazione, sono stati resident e art director della serata gratuita Heartbreak all’Ex Forno MAMbo di Bologna.

Dj Rou nasce nel ’91 a Bologna. E' un grande appassionato del sound vintage e analogico e co-gestisce L’Archivio, record store diventato ritrovo di cultori del vinile nella città. Attualmente la sua attività spazia tra diverse realtà tra cui Homequest - collettivo di Dj, Mc, produttori e collezionisti dediti a salvaguardare la passione per la musica e per il clubbing che ha debuttato con “Return To The Classics”. Collabora fin dalla nascita (2015) a Red Rooster Records progetto di D’Arabia; infine, è attivo nella neonata label “Les Canards Grass” nuovo progetto live di chiara influenza e matrice house.